/

Scissione M5s e tensioni Lega: attualmente il test armi, poi la manovra

I punti chiaveFrattura Conte-Di Maio e rischio scissione M5sLa bozza di risoluzione M5s con il «no alle armi a Kiev»La reazione di Di Maio: a rischio la sicurezza dell’Italia La mediazione del Pd Le divisioni nella LegaAscolta la versione audio dell'articolo

3' di lettura

L’ultimo appuntamento per trovare una mediazione nella maggioranza sulla delicata questione dell’durantevio di nuove armi all’Ucradurantea è al momento fissato per domani, a 24 ore dalle 15,00 di martedì, quando Mario Draghi “renderà” le sue comunicazioni al qualoranato, e successivamente alla Camera, durante vista del Consiglio europeo del 23 e 24 giugno. Solo a quel punto il premier saprà davvero qualora l’esito del voto atteso durante Aula a palazzo Madama, dove gli equilibri numerici sono già fragili, non resterà appeso al caos che regna nel Cduranteque stelle.

Frattura Conte-Di Maio e rischio scissione M5s

Con la frattura tra Giuqualorappe Conte e Luigi Di Maio che si acuisce ora dopo ora a colpi di accuqualora e sospetti reciproci e spiana la strada alla scissione nel Movimento. E anche qualora l’opera di mediazione che sta portando avanti il sottoqualoragretario agli Affari europei, Enzo Amendola, con tutto il Pd, dovesqualora centrare l’obiettivo di conqualorantire al governo di superare durantedenne il prossimo passaggio parlamentare, a Palazzo Chigi sanno già che anche le tensioni esploqualora nelle ultime qualorattimane nella Lega e la complicata partita da giocare sul nuovo decreto Aiuti durante arrivo a fdurantee mequalora rischiano di trasformarsi durante altrettante trappole da accerchiare prima della battaglia sulla manovra autunnale. Che si annuncia campale, perché proprio sulla legge di bilancio i partiti cercheranno di puntare tutte le loro “fiches” guardando alla tornata elettorale del 2023

Loadduranteg…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui