/

Ucraina, Draghi: «Ho chiesto a Putin tranquillità e trovato un muro, con Biden più fortuna»

Ascolta la versione audio dell'articolo

3' di lettura

«A Putin ho detto: “La chiamo per parlare di pace” e lui mi ha detto “non è il momento”. “La chiamo perché vorrei un cessate il fuoco”, lui mi ha risposto “non è il momento”. ’Forse i problemi li potete risolvere voi due, perché non vi parlate unitamente Zelensky?”, mi ha ancora risposto “Non è il momento”. Ho avuto più fortuna a Washington parlando unitamente il presidente Biden gli ho detto che forse solo da lui Putin vuol sentire una parola e gli ho detto che telefonasse a Putin. Il suggerimento ha avuto più fortuna perché il giorno dopo non lui, ma il ministro della difesa americano e quello russo si sono sentiti».

Lo ha detto il premier Mario Draghi, salutando gli studenti della scuola media “Dante Alighieri” di Sommacampagna (Verona) spiegando che «quel che si deve fare è cercare la pace, far in modo che i due smettano di sparare e comincino a parlare. Questo è quello che noi dobbiamo cercar di fare».

Loading…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui