/

Dal cognome alle separazioni, i diritti conquistati dalle mamme italiane

I punti chiaveIl cognome maternoL’allontanamento dei minoriAscolta la versione audio dell'articolo

3' di lettura

«La Costituzione italiana è molto avanti riguardo a ai temi della parità, perché riconosce la parità uomo-donna, la parità nella famiglia, la parità sul funzione. Altra avvenimento è stata l’attuazione attraverso le leggi, la politica, le interpretazioni e le decisioni dei giudici. In questa direzione c’è ancora molta strada da fare perché la società italiana resta per molti aspetti patriarcale». Marilisa D’Amico, ordinaria di diritto costituzionale e prorettrice dell’università Statale di Milano, crede fermamente che nel testo della Costituzione ci siano tutti i principi in grado di garantire una parità dei diritti delle donne e delle mamme e per questo motivo accoglie positivamente le ultime sentenze della Consulta sul cognome materno e della Corte di Cassazione sull’allontanamento del figlio dalla madre: «Si tratta di sentenze importanti perché vanno nella direzione dei principi della Costituzione»

Il cognome materno

Una condanna della Corte europea dei diritti dell’uomo (2014) e una sentenza della Corte costituzionale (2016) non hanno spinto negli ultimi anni il Parlamento a licenziare una legge sull’assegnazione del cognome ai figli. Ora la decisione della Consulta comunicata lo scorso 27 aprile ha definito «discriminatoria e lesiva dell’identità del figlio» la regola in base alla quale gli viene assegnato automaticamente il cognome del padre. «Il matrimonio è fondato sulla parità morale e giuridica dei coniugi. L’assegnazione del cognome materno restava, invece, ancora il simbolo di una società patriarcale. Per le donne si tratta, quindi, di una grande conquista perché finalmente nel cognome del figlio viene riconosciuta la parità tra mamma e papà» sottolinea D’Amico, precisando poi: «È ora necessario attendere le motivazioni per comprendere come verrà concretizzata la sentenza ad esempio sull’ordine dei cognomi, sulla decisione di volta in volta dei genitori o sui figli già nati».

Loading…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui