Via la mascherina all’aperto, il Cts propone due date: il 28 giugno o il 5 luglio

Roma – Il Comitato Tecnico Scientifico, riunito per fornire un parere al ministero della Salute sulla fine dell’obbligo delle mascherine, ha confermato due date per lo stop al dispositivo di protezione all’aperto: il 28 giugno o il 5 luglio, quando tutto il Paese sarà comunque in zona bianca. La pronuncia su una data precisa, e dunque la decisione del giorno esatto, sarà comunque presa dal Governo. Il Cts chiude così, dopo meno di due ore di riunione, la lunga stagione dell’obbligo di mascherine all’aperto: era stato introdotto, sull’onda della ripresa dei contagi post-estiva, l’8 ottobre 2020 da un decreto dell’allora premier Giuseppe Conte.L’uso delle mascherine, mentre i contagi salivano a oltre 3.000 casi al giorno, era stato reso obbligatorio sia in luoghi all’aperto che al chiuso “fatta eccezione per le abitazioni private e per le circostanze in cui sia garantito un isolamento continuativo rispetto a persone non conviventi”, esentando dall’obbligo solo “i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva, i bambini di età inferiore ai sei anni e i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina”.Tra pochi giorni sarà necessario solo metterla in tasca o al braccio, per indossarla solo entrando in un negozio o se ci si rende conto di un rischio di affollamento.