Draghi celebra l’ok al Recovery: “Giornata d’orgoglio per il Paese. È l’alba della ripresa economica”

Il premier Mario Draghi e la presidente della Commissione europea Ursula von der LeyenIl premier: “La visita della presidente della Commissione Ue segna il via libera al Pnrr italiano. Abbiamo messo a punto un piano per rendere il Paese più giusto e sostenibile”Roma – Il via libera della Commissione europea al Recovery Plan italiano arriva direttamente dalla presidente Ursula Von der Leyen in visita a Roma: «La nostra approvazione oggi è fondamentale per i 191,5 miliardi, una volta approvato dal Consiglio nelle prossime quattro settimane, saremo pronti a erogare i primi fondi. E’ l’inizio di un’attuazione che sarà dura, dovremo lavorare in modo duro e la Commissione sarà accanto a voi passo passo. Un’Italia più forte rende l’Europa più forte».Un messaggio che il premier Mario Draghi ha colto al volo: «E’ una giornata d’orgoglio per il Paese. La visita della presidente della Commissione Ue segna il via libera al Pnrr (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – ndr) italiano. Abbiamo messo a punto un piano per rendere il Paese più giusto e sostenibile, ma la sfida più importante è l’attuazione del piano. Siamo solo agli inizi. L’importante è che i fondi siano spesi tutti e bene. In maniera efficace e con onestà. Ci sono molti progetti pronti a partire».E Cinecittà, il luogo scelto da Draghi per incontrare la presidente della Commissione Ue, ha una connotazione fortemente simbolica: «Qui negli anni del dopoguerra il nostro cinema raccontava la vita delle famiglie italiane, prima gli stenti, poi il lavoro e infine l’entusiasmo. Oggi celebriamo l’alba della ripresa». Con i quali all’industria cinematografica arriveranno 300 milioni di euro.Dopo l’incontro a Berlino con Angela Merkel, l’appuntamento con Von der Leyen a Roma conferma quando Draghi sia apprezzato e stimato nelle cancellerie del Vecchio continente: «Voi uscendo dalla crisi – ha detto la presidente della Commissione – avete ispirato un intero continente, avete mostrato qual è il vero significato della solidarietà. Noi con il Next Generation Eu possiamo riplasmare il nostro continente.Von der Leyen, poi ricorre alla metafora calcistica: «La campagna vaccinale procede velocemente come la squadra azzurra e tutto il Paese e l’economia stanno riaprendo».L’impegno di Draghi, però, non si ferma qui: a giorni – ha detto il premier – «arriverà in consiglio dei ministri la riforma della giustizia, a luglio toccherà alla legge sulla concorrenza, mentre entro fine mese ci sarà la delega per la riforma del codice degli appalti».«Con le politiche occupazionali attive che metterete in atto darete ai giovani nuove possibilità. Poi – ha aggiunto Von der Leyen – ci sono riforme cruciali, come tagliare le farraginosità della burocrazia o riformare la giustizia. Sono riforme che gli italiani hanno chiesto per anni e che stanno diventando realtà. Il piano italiano è ambizioso, lungimirante e aiuterà a delineare un futuro migliore per gli italiani e l’Ue. Il piano italiano avrà approssimativamente un impatto dall’1,5 al 2,5 per cento del Pil e di oltre 240.000 nuovi posti di lavoro in Italia fino al 2026».  Affrontando tematiche di attualità, rispondendo a una domanda sull’intervento del Vaticano sulla legge Zan, Draghi ha detto: «Domani sono in Parlamento tutto il giorno, mi aspetto che me lo chiedano e risponderò in maniera ben più strutturata di oggi. E’ una domanda importante».