Draghi: finale Europei a Roma? Non in un Paese ad alto contagio

Le prospettive della ripresa post-Covid e il tema dei migranti. Sono i temi sul tavolo della conferenza stampa congiunta con la cancelleria tedesca Angela Merkel e il premier italiano Mario Draghi dopo il vertice bilaterale in vista del Consiglio europeo che si terrà il 24 e il 25 giugno (giovedì e venerdì) a Bruxelles. Ma nell’incontro con la stampa irrompe anche il tema degli Europei di calcio e dei rapporti con la Gran Bretagna: la finale del torneo da Wembley a Roma? chiedono a Draghi: «Mi adopererò affinché non si faccia in Paesi con alti contagi», la sua risposta. Sulla situazione del Covid Merkel e Draghi sono «entrambi cauti» ha riferito la Cancelleiera, «felici che ci sia un sostanziale miglioramento ma è un progresso fragile. La quota vaccini cresce ma ancora non si può dire che ci stiamo avvicinando all’immunità di gregge» anche perché siamo «esposti alle nuove varianti».Dossier migranti, aiuto reciprocoTra i temi affrontati c’è stato, come detto, quello dell’immigrazione. «L’Italia è un Paese di arrivo, noi siamo colpiti dai flussi secondari. Occorre iniziare ad agire dai Paesi di provenienza e su questa gestione siamo completamente d’accordo» ha detto la cancelliera. «Nelle discussioni che abbiamo avuto – ha aggiunto – ci sono state pochissime divergenze di opinioni ed è una sensazione gradevole». Da parte sua Draghi ha confermato che sul dossier migranti l’impegno «è aiutarsi reciprocamente». E ha spiegato: «Abbiamo vicinanze di vedute sulla dimensione esterna» del tema.Loading…Sì a rinnovo accordo con TurchiaC’è poi la questione del rapporto con la Turchia. «Dobbiamo aprire una prospettiva sul futuro, la Turchia ha tutti i diritti ad essere appoggiata» sul dossier immigrazione ha detto Merkel, «non possiamo andare avanti senza la cooperazione con la Turchia». Il capo del governo italiano si dice d’accordo: rispondendo ad una domanda, Draghi ha replicato con un con un “sì” al rinnovo dell’accordo con Ankara sulla cooperazione sul dossier immigrazione.Draghi: con Germania rapporto profondo, duraturo e solido Nella conferenza stampa che si è aperta con un caloroso saluto della Merkel al presidente del Consiglio italiano («Non è la prima volta che Mario Draghi è a Berlino ma è la prima volta che è qui come premier e gli do il benvenuto») Draghi ha sottolineato che «il rapporto tra Italia e Germania è profondo, duraturo e solido. Sono due Paesi fondati sull’europeismo e sull’atlantismo. Le posizioni nei confronti di Usa, Russia, Cina e Nordafrica sono molto molto vicine».Draghi: finale Europei Roma? Non in Paesi ad alto contagioStessa risposta di Draghi a una domanda fuori tema sull’ipotesi di spostare la finale degli Europei di calcio da Wembley a Roma. «Sì, nell’adoperarmi affinché la finale degli Europei non si faccia in Paesi con alti contagi».