Alessandria, le studentesse Anna e Olivia: mamma e figlia e maturande insieme

Olivia con la mamma AnnaLa donna ha quattro figli. La ragazza di 19 anni è una di loro Antonella Mariotti

24 Giugno 2021

Alessandria – “Mi sono fatta pure la Dad”. Anna Raspi, 43 anni, è una maturanda del liceo Socio psico-pedagogico, ha un marito e quattro figli: Olivia, 19 anni, la più grande, è una sua compagna di scuola, anzi di banco. “Siamo insieme anche nella foto di classe, ma le ho detto di mettersi un po’ distante sennò è davvero troppo”.Olivia lo dice con un moto di tenerezza, guarda sua madre e i ruoli quasi si scambiano in quel momento, hanno studiato insieme, sono entrate nella classe della scuola Alexandria insieme quando il Covid lo ha permesso, e quando invece no “lei mi ha aiutato tanto – dice Anna – io con la tecnologia sono un po’ in difficoltà, meno male che c’era lei”.Alla scuola di via Don Orione madre e figlia ci sono arrivate per un inciampo della seconda, un anno perso da recuperare. “Poi c’era quel “cerchio da chiudere”, dice Anna, che è nata a Volterra: ” Le ho detto “se entri in quarta vengo anche io”. Avevo lasciato gli studi proprio in quella classe, e mio marito me lo ha sempre detto “devi finire quel percorso””.E così è stato, al secondo piano dell’Alexandria nella classe con una ventina di studenti lei è diventata “La mia Annina” e anche “Mamma Anna”. Una famiglia con quattro figli: “Tutti mi hanno detto “mamma fallo”, certo senza i nonni non sarebbe stato possibile. Certo la malattia della più piccola mi creava problemi non solo pratici, ma lei è un’altra vita letta con altri occhi. E così mi sono messa nella corrente, mentre Gemma la piccola rompe tutti gli schemi. La mia vita è stato un flusso e alla fine è arrivato il diploma. Non è stato facile, questo lo sapevo, ma sono stata molto aiutata anche dai docenti che hanno aspettato e rispettato i miei tempi”. Nella scuola di mamma e figlia ci sono anche i fratelli di Olivia, entrambi alle medie. “In fondo per noi Alexandria è una famiglia – dice Anna – siamo tutti qui, se entri non vieni più via. E la sento un po’ casa. È stato un incastro perfetto: Olivia con me, studiavamo insieme, ripetevamo le lezioni la sera, i professori che capivano le mie difficoltà e la scuola. Se togli un tassello crolla tutto”. Quale è stata la materia preferita?”Letteratura italiana – dice Anna con orgoglio – ho preso sempre sette. Quando ero a scuola con l’età giusta, non mi rendevo conto di quanto bella è la letteratura e fare i collegamenti” Olivia annuisce, arresa all’entusiamo della madre. Ma gestire tutti come è stato possibile? “Se non lo facevo io qualcuno la passava l’aspirapolvere”, risponde Anna: “Meglio un pavimento non tanto pulito ma studiare un po’ di più. Per me questo anno passato sui libri è stato come aprire la finestra e respirare un po’ di più. E poi è stato bellissimo vedere la tenerezza, sì proprio la tenerezza dei prof per me”. Non sono mancati i rimproveri “perché non vorrei che si pensasse che mi permettevano di fare meno, aspettavano, ma mi sono presa pure delle sgridate mica da poco, così mi rimettevano sul percorso”. Queste due maturande,si sono scambiate appunti e anche amicizie , un equilibro di sentimenti difficile da tenere rimanendo sempre madre e figlia. Olivia ha sostenuto l’esame ieri, oggi tocca ad Anna, ma “io ieri ho fatto solo la mamma, ci siamo presentate con la sua migliore amica davanti alla scuola con i fiori”.