Il caso delle lacrime di Bella Hadid su Instagram

0
19
Il caso delle lacrime di Bella Hadid su Instagram

AGI – Una serie di scatti con il volto sconvolto dalle lacrime, gli ochi arrossati, le bellissime labbra increspate in un broncio disarmante. Non sembra nemmeno Bella Hadid la ragazza che ha postato sull’account Instagram della top model gli scatti disturbanti e un messaggio ancora più inquietante: “Questa sono io praticamente ogni giorno, ogni notte da qualche anno ormai, i social non sono reali. A tutti quelli che stanno lottando, ricordatevelo”.

La venticinquenne modella ha deciso di rompere il silenzio e rivelare che da diverso tempo fa i conti con “ansia e depressione”, disturbi che le hanno cambiato la vita.

A innescare la rivelazione su una realtà che appare lontana migliaia di miglia dall’immagine patinata fatta di fisici statuarii, viaggi esotici, party esclusivi è stata un video pubblicato dalla figlia di Will Smith, Willow, che per prima si era confidata sul tema.

“A volte tutto quello di cui hai bisogno è sentire che non sei solo” scrive Bella Hadid nel post, “Quindi vi dico: non siete soli. Voglio che sappiate che la malattia mentale o gli squilibri fisici non sono lineari ed è quasi come essere sulle montagne russe… con i loro alti e bassi. Ma c’è sempre la luce alla fine del tunnel e le montagne russe si fermano sempre ad un certo punto. C’è sempre spazio per ricominciare, ma per me è sempre stato bello sapere che anche se sono passati pochi giorni, settimane o mesi, migliora, in qualche modo, anche per un momento. Mi ci è voluto molto tempo per capirlo nella mia mente, ma ho avuto abbastanza momenti no per riuscire a comprendere che se lavori abbastanza duramente su te stesso, trascorrendo del tempo da solo per capire i tuoi traumi, i fattori scatenanti, le gioie e la routine, imparerai a gestire il dolore. Che è tutto ciò che puoi chiedere a te stesso. Grazie per avermi visto e grazie per avermi ascoltato. Vi voglio bene”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here